Pasi
en
Strumenti di misura, strumenti di geofisica
pasi

Videoispezioni

telecamere

La videoispezione in pozzo permette di rilevare le caratteristiche costruttive del pozzo: le tubazioni cieche e filtranti, le rispettive quote di posa ed eventuali variazioni di diametro dell´opera. La sonda televisiva – che dovrà essere waterproof e resistente alla pressione della colonna d´acqua ad essa sovrastante - è dotata di uno speciale obiettivo grandangolare che consente una diagnosi particolareggiata del rivestimento; ogni eventuale anomalia potrà essere non solo evidenziata ad una certa quota dal piano campagna, ma potrà essere fotografata o meglio filmata nel corso dell´indagine. Eseguire una videoispezione consente di accertare le cause dei problemi più comuni che possono affliggere un pozzo nel corso della sua vita produttiva, come la presenza di sabbia e la diminuzione di portata. Inoltre si possono rilevare le anomalie come deterioramento, deformazioni, corrosioni, rotture ed eccessivo deposito di fondo. La telecamera da pozzo può valutare le situazioni di rischio da degrado e le idonee modalità di recupero del pozzo. Si può così opportunamente pianificare la manutenzione in rapporto alle caratteristiche tipiche dell'acquifero e problematiche derivanti; sarà inoltre possibile completare rapidamente la documentazione mancante di pozzi già esistenti (profondità, quota di posa dei tratti filtranti, tipologia delle tubazioni ed efficienza) e verificarne le effettive condizioni prima di effettuare un costoso intervento di ripristino.

Nel caso di applicazioni in fori di sondaggio o altro genere e caratterizzati da uno sviluppo orizzontale anzichè verticale, è necessario ricorrere a telecamere da foro di dimensioni ancora più compatte, ma soprattutto dotate di sistema di spinta ¨push-rod¨ o ¨aspo¨: si tratta di uno speciale cavo in fibra di vetro avvolto su un apposito rullo che – montato sulla testa della telecamera tramite apposito adattatore – fornisce una spinta alla stessa che le consente di avanzare progressivamente all´interno del foro.

Qualora le ispezioni visive debbano essere effettuate in piccoli fori realizzati in manufatti e costruzioni in genere, le dimensioni ridotte diventano indispensabili; si passa così a strumentazioni miniaturizzate chiamate endoscopi, caratterizzate da una testa di pochi millimetri di diametro e cavi in fibra ottica per la trasmissione dell´immagine lunghi al massimo qualche metro.