Pasi
en
Strumenti di misura, strumenti di geofisica
pasi
INSITU

Geotecnica INSITU

categoria:Software Geo&Soft / Geotecnica
marca:Geo&Soft
articolo:INSITU
 

Interpretazione prove in-situ

Il programma INSITU esegue l'interpretazione delle più utilizzate prove geotecniche in sito: SPT (Standard Penetration Test), CPT (Cone Penetration Test) e DP (Dynamic Probing Test).
I risultati vengono proposti in forma di tabulati od in forma grafica, con la possibilità di personalizzare l'elaborato selezionando quali tra i risultati disponibili dovranno essere presentati. Grazie alla possibilità di definire fattori correttivi relativi alla tipologia di strumentazione utilizzata ed alle modalità di esecuzione della prova, il programma INSITU è facilmente adattabile a qualsiasi strumento di misura.
Di notevole interesse è la possibilità di personalizzare gli elaborati inserendo il proprio marchio grafico, anche in formato bitmap, e modificando se necessario la testata contenente le informazioni generali.


PROVE SPT (Standard Penetration Test)

Per l'interpretazione delle prove SPT il programma utilizza le principali correlazioni comunemente adottate al fine di determinare i parametri geotecnici del terreno indagato.
Oltre all'introduzione dei valori di Nspt, l'inserimento di alcuni parametri geometrici e geotecnici relativi all'andamento litostratigrafico rilevato tramite carotaggi meccanici permette interpretazioni più complesse della prova; si possono inoltre introdurre alcuni parametri correttivi che consentono di limitare i disturbi nell'interpretazione dei dati legati alle modalità di esecuzione della prova ed al tipo di strumento usato.
Il programma determina, utilizzando quando possibile diverse metodologie di calcolo per permettere la comparazione dei risultati, l'angolo di attrito, la densità relativa, la tensione verticale efficace e totale, il modulo confinato, il modulo di Young, i limiti superiori del rapporto cedimento/carico ammissibile, la resistenza alla punta, il modulo di taglio dinamico e lo sforzo ciclico dei terreni attraversati. Qualora nella descrizione litostratigrafica vengano fornite anche informazioni relative alla classe granulometrica, il programma è in grado di fare una valutazione qualitativa della tipologia di terreno.


PROVE CPT (Cone Penetration Test)

Il programma richiede i valori di resistenza alla punta (qc) e di attrito laterale locale (fs) e, nel caso di prove eseguite con punta munita di setto poroso e piezocono, è possibile utilizzare anche la misurazione della pressione nei pori. Il principale risultato dell'elaborazione delle prove CPT è il riconoscimento della tipologia di terreno, che può essere effettuata con i metodi di Schmertmann, Begemann, Douglas e Olsen, Olsen e Farr o Searl.
Poiché il programma utilizza procedure di interpretazione diverse, alcune delle quali specifiche per i terreni granulari, altre per i terreni coesivi, viene data la possibilità di associare coefficienti correttivi a ciascun litotipo identificato con i metodi indicati; in tal modo risulta possibile correggere in modo semi-automatico i risultati finali (per esempio riducendo il valore di angolo di attrito nei livelli argillosi), e tarare l'interpretazione in modo da far meglio aderire i risultati alla realtà geotecnica locale.
Il programma è in grado di determinare l'angolo di attrito, la compressibilità drenata e la densità relativa, la resistenza al taglio non drenata, la compressibilità, la sensitività ed il grado di sovraconsolidazione.
Per la corretta interpretazione di questa prova è possibile inoltre inserire svariati parametri correttivi relativi all'attrezzatura utilizzata, alle modalità di esecuzione ed ai fattori ambientali.


PROVE DP (Dynamic Probing Test)

L'interpretazione delle prove DP, impiegate principalmente in terreni granulari per la localizzazione di strati resistenti, viene effettuata con le stesse metodologie utilizzate per le prove SPT. Poiché non esiste una standardizzazione delle procedure di esecuzione delle prove DP, i valori vengono convertiti in valori equivalenti di nSPT, attraverso un coefficiente di correlazione normalmente fornito dai produttori della strumentazione penetrometrica.