Pasi
en
Strumenti di misura, strumenti di geofisica
pasi

Tomografia elettrica

Pur partendo dai principi di base della geoelettrica, la tomografia elettrica (ERT) ha aperto un nuovo capitolo nella storia delle prospezioni geofisiche. Anzichè utilizzare solo 4 elettrodi come nei sondaggi elettrici verticali ¨tradizionali¨, l´indagine sul terreno viene realizzata con un set di elettrodi (a partire da un minimo di 16 per arrivare anche a diverse centinaia), distribuiti lungo un profilo a distanza ravvicinata (generalmente qualche metro). Tramite un apposito sistema - basato su uno o più cavi multielettrodo e relativi ¨switching box¨ - questi elettrodi sono collegati all´unità di acquisizione dati / energizzatore in modo da poter funzionare alternativamente come elettrodi di corrente o di misura. In questo modo le misure lungo un profilo possono procedere in maniera automatica secondo la sequenza desiderata (tra gli stendimenti più usati ricordiamo il Wenner, Wenner- Schlumberger, Dipolo-Dipolo), restituendo valori di resistività apparente a differenti profondità e ubicazioni lungo il profilo stesso. Il risultato finale dell´elaborazione di questi dati è una vera sezione bi-dimensionale che rappresenta la distribuzione dei valori di resistività del terreno. Combinando più profili di resistività del terreno paralleli tra loro si può ottenere un´immagine ad alta risoluzione in 2.5D; con un maggior numero di elettrodi è possibile addirittura eseguire vere indagini di tomografia 3D, opportunamente interpretate tramite sofisticati software di elaborazione.

L´estrema versatilità e accuratezza di misura rende questa metodologia di indagine idonea ai più doversi campi applicativi. Qui di seguito riportiamo solo alcuni esempi tra le più frequenti applicazioni: - Monitoraggio ambientale: in aree soggette a discarica: la tomografia elettrica permette di visualizzare in modo chiaro e rapido la presenza o meno di perdite nel substrato impermeabile d´isolamento; il metodo si presta considerevolmente anche al monitoraggio a medio-lungo termine della dispersione di inquinanti nel terreno in caso di incidenti ambientali. - Idrogeologia: la realizzazione di sezioni elettriche tomografiche permette l´individuazione in modo molto preciso di discontinuità litologiche, zone di accumulo idrico, zone di fratturazione della roccia e circolazione di fluidi all´interno delle discontinuità. - Archeologia: individuazione di manufatti e resti tramite la misura di differenza resistività tra i materiali - Geotecnica, geologia superficiale, geomorfologia: individuazione delle possibili cause di subsidenza, ubicazioni e strutture di cavità ipogee e cunicoli, indagini di dettaglio su giacimenti minerari e aree di cava, individuazione superfici di scollamento in aree di frana